Giocare per tentare la fortuna

L’INTERVISTA DEL MESE: HAPPY GAMES CLUB

Per inseguire i desideri più reconditi o, più semplicemente, per passare un po’ di tempo libero e svagarsi divertendosi, è una pratica molto diffusa nel mondo e che sta permeando, nei suoi aspetti positivi, anche la cultura italiana.

Prima c’era la lotteria di capodanno e il totocalcio, oggi invece, grazie all’intensa e radicale trasformazione e regolamentazione dell’offerta del gioco pubblico voluta dallo Stato, l’offerta di intrattenimento è ricca e variegata: lotterie, schedine, gratta e vinci, scommesse, skill games, new slot, videolottery, solo per citare i giochi più conosciuti.
Una molteplicità  di  giochi  per  una  domanda  sempre  più diversificata ed esigente. Un volume di affari in costante crescita che sembra non risentire delle crisi di mercato e che contribuisce da un lato ad aumentare gli introiti erariali, dall’altro a creare sviluppo di impresa e occupazione.
Per saperne  di  più  ne  abbiamo  parlato  con  l’ing.  Arturo Vespignani,  amministratore  di  Happy  Games  Club,  azienda che opera da diversi anni nell’offerta di intrattenimento tramite terminali Videolottery e che dal 2014 è presente con una sala a Villorba in provincia di Treviso.

Ing. Vespignani, l’offerta di intrattenimento tramite apparecchi Videolottery è certamente tra le più diffuse e genera importanti volumi di affari; quale la peculiarità di questi apparecchi e cosa li contraddistingue dagli apparecchi da bar (New Slot)
Il mercato delle Vlt, sin dal suo avvio ha richiesto da parte di tutti gli operatori un consistente impegno in termini di  investimenti  e  di  sforzi  organizzativi.  Per  assicurare  le migliori performance i modelli di vendita e di promozione verso la clientela sono stati inevitabilmente rimodulati rispetto a quelli adottati per gli apparecchi New Slot da bar. Con le Videolottery si è da subito inteso che non era più sufficiente  collocare  un  apparecchio  dentro  un  esercizio commerciale e lasciare che si “vendesse da solo”, occorreva integrare l’offerta del prodotto di gioco con una serie di servizi e con modelli di vendita in grado di soddisfare le esigenze diverse di una nuova clientela.
Il pay out e premi significativamente più elevati rispetto a quelli delle New Slot hanno infatti aumentato e diversificato la componente di intrattenimento rendendo le Videolottery appetibili anche a segmenti di clientela fino a quel momento poco interessati ma sicuramente più esigenti.

La sala Happy Games Club di Villorba che caratteristiche ha e cosa si può aspettare un cliente che viene a trovarvi?
La sala Happy Games Club di Villorba è una sala di medie dimensioni (circa 300 mq) che ospita 50 apparecchi videolottery  dei  modelli  “Novomatic”  e  “Inspired”,  cioè  delle aziende  produttrici  tra  le  più  importanti  del  contesto  di riferimento, con i migliori giochi presenti sul mercato in grado di accrescere la componente di intrattenimento di una sala. Le architetture degli interni sono state affidate a professionisti di settore che, a seguito delle analisi funzionali e dei più recenti studi di marketing strategico per la vendita di servizi di gioco, hanno proposto delle soluzioni in cui l’effetto scenico, basato su un’alternanza cromatica, e la scelta di arredi moderni ed ergonomici, favoriscono l’accoglienza e l’intrattenimento. Obiettivo del prossimo futuro è quello di dotare la sale anche di un servizio bar: gliallestimenti sono stati già predisposti.

Quali sono le professionalità alla base della vostra realtà aziendale?
Happy Games ha identificato nella costante attenzione alle esigenze dei propri clienti e nell’implementazione di processi che tendano all’efficienza e al miglioramento continuo le parole d’ordine per il suo modus operandi. Il cliente viene nella sala Happy Games Club per divertirsi e per passare un po’ del suo tempo libero. Sulla base di questo presupposto la nostra politica aziendale si fonda su specifici principi che tutto il personale deve sempre condividere e che possono essere riassunti nei seguenti due assiomi: responsabilità e attenzione al cliente.
Tutta l’organizzazione aziendale, a tutti i livelli, opera per assicurare le migliori performance e il raggiungimento di questi obiettivi.
Ciò  significa  prevedere  quale  sia  l’evoluzione  del  mercato, anticipare gusti e tendenze. Dunque, non solo stare “al passo con i tempi”, ma anticiparne gli stessi.
La nostra attenzione nei confronti dei nostri clienti passa anche attraverso la registrazione delle loro opinioni. Periodicamente tramite appositi questionari o tramite interviste vengono registrate le opinioni, i suggerimenti ed eventuali critiche che noi usiamo per migliorarci costantemente e per tarare la nostra offerta alle loro esigenze. Al di là dei modelli di Videolottery e dei giochi presenti in sala, i principali artefici del successo della sala stessa sono le risorse umane.
Un impiegato Happy Games non è solo un dipendente, ma è un organizzatore dell’intrattenimento, che in tutti i momenti del suo lavoro deve assicurare entusiasmo e professionalità.

Come si pone Happy Games nei confronti delle problematiche sociali del gioco patologico e delle critiche dell’opinione pubblica che ne derivano? Avete attivato qualche specifica iniziativa?
Purtroppo, si deve ancora constatare molta disinformazione sul mondo delle videolottery sempre sotto l’occhio “malevolo” del ciclone.
Alcuni fatti di cronaca prestano il fianco a vibranti critiche e a facili generalizzazione tendenti a screditare complessivamente il comparto, senza in alcun modo valutare il costante impegno e gli sforzi finora compiuti da parte delle componenti istituzionali e dalla maggior parte degli operatori, per assicurare un’offerta di intrattenimento lecita e sicura. Il problema del gioco patologico naturalmente esiste, soprattutto  perché  a  nostro  avviso  non  esiste  una  corretta cultura del gioco. Da sempre, di concerto con il nostro Concessionario di riferimento, ci adoperiamo con delle attività di informazione e sensibilizzazione che attuiamo direttamente in sala nei confronti della nostra clientela. Un percorso di informazione e sensibilizzazione, che pone chiaramente l’accento sull’aspetto del divertimento, vero unico obiettivo di quanti si avvicinano al gioco. Ma non ci limitiamo solo a questo. C’è anche da sottolineare, che tutto l’organico aziendale presente nelle nostre sale è formato sulle problematiche del gioco patologico. Tale percorso formativo tende a offrire non solo tutte le nozioni normative e cliniche relative a tale patologia ma anche gli strumenti ele modalità per rilevare eventuali comportamenti anomali o a rischio da parte dei clienti.
Siamo fermamente convinti che spetti a tutti gli operatori della filiera, in diversa misura e secondo le proprie competenze e responsabilità, adottare le misure più adeguate affinché l’offerta di gioco sia sempre controllata e soprattutto sicura in modo da far vivere la pausa di gioco come mero piacere di svago e divertimento.
 







Elenco articoli